Scopri il canavese

#CanaveseLAB #ScopriCanavese

L’Anfiteatro Morenico d’Ivrea (AMI), il Parco Nazionale del Gran Paradiso (PNGP), il Castello Ducale di Agliè, il Castello di Masino, i laghi morenici, vigneti terrazzati di Carema, l’Erbaluce di Caluso, i musei a cielo aperto, le valli incontaminate sono solo alcune delle molte attrattive del Canavese!
Se vuoi scoprire il Canavese puoi partecipare alle nostre esperienze turistiche oppure puoi contattarci per chiederci informazioni, puoi mangiare, dormire, comprare prodotti locali dai nostri partner, oppure semplicemente puoi seguirci sui social network o iscriverti alla nostra newsletter!
Ti aspettiamo in Canavese per farti conoscere un territorio tra i più suggestivi d’Italia. Scopri di più

dove-mangiare-dormire-canavese-compres

#VisitCanavese

Il buon cibo ti aspetta in Canavese, tra le specialità enogastronomiche troverai diversi prodotti tipici locali cucinati secondo la tradizione.
Troverai l’accoglienza semplice e ospitale di molti Bed & Breakfast, ma anche la possibilità di riposare in bellissime dimore storiche.
Potrai gustare e comprare i mieli, le marmellate, i salumi, i formaggi e i vini di una terra straordinaria.
Dove dormire, mangiare e fare shopping in Canavese!

Scopri di più

Torre dei Venti quadrata al Castello di Masino

ALLA SCOPERTA DELLA TORRE DEL CASTELLO DI MASINO

Un tetto colorato: giallo, rosso, verde.
In cima una bandiera in metallo, leggera.
Una pianta esagonale.
Al di sotto una freccia e sopra questa, affreschi di bambini, che soffiano.

La “Torre dei Venti, al Castello di Masino, si presenta austera, come le vecchie torri di guardia che da sempre difendono le fortezze e, anche se ingentilita e trasformata, nel diventare dimora signorile, conserva una serietà al ricordo di difesa.

Munumento Le mani a Ivrea

CI CONSIDERANO FOLLI

…a guardarci dal di fuori forse non hanno tutti i torti,
come è possibile che un popolo tendenzialmente freddo prenda fuoco ed impazzisca per due mesi l’anno?
Bisogna essere un po’ folli per: trovare afrodisiaco l’odore di sterco di cavallo mescolato all’arancia, emozionarsi al suono delle “giuchinere”, sentire e risentire le stesse Pifferate da anni, acclamare una Signora vestita di bianco su un cocchio dorato, unire in un’unica festa un esercito napoleonico ed un podestà con suo seguito medioevale…

Iscriviti qui per ricevere gratuitamente la nostra newsletter

* indicates required