sentiero_delle_anime

Santér dj’ Ànime

Il Sentiero delle Anime, o Santér dj’ Ànime,

è non solo il più conosciuto, ma anche il più’ affascinante itinerario della Valchiusella, si parte dal Comune di Traversella.

Attraverso un itinerario ad anello percorre sentieri già calpestati nel passato dagli antichi abitanti canavesani. Il “Sentiero delle Anime” si esplora, principalmente, per scoprire i segni ancestrali scavati nella roccia dai nostri antenati. Bovis e Petitti, che hanno ridato vita al sentiero, consigliano di percorrerlo esattamente nel verso che qui viene descritto e di scegliere giornate poco luminose o, meglio ancora, durante la luce radente del tramonto, perché le ombre create dai raggi solari radenti, rendono più facilmente visibili le incisioni.

Ci sono due leggende sul significato delle incisioni: la prima si riferisce ai segni lasciati dagli spiriti che transitano continuamente lungo il tracciato, la seconda ricorda il passaggio dei guerrieri valdostani e canavesani morti nel difendere le loro terre dai romani.

Si ritiene che molte di queste incisioni, data la loro posizione, abbiano un significato religioso, prima pagano e poi cristiano.

cruciformi _sentiero_anime

I petroglifi della zona di Traversella sono principalmente di tre tipi: coppelle, cruciformi ed antropomorfi.

  • Le coppelle sono piccole incisioni semisferiche, a volte connesse da canaletti, utilizzate come simbolo solare, di fecondità e di buon augurio.
  • I cruciformi ricordano la lunga e difficile cristianizzazione delle valli alpine e, data la loro numerosità, indicano che il “Sentiero delle Anime” doveva essere considerato come una specie di via sacra.
  • Gli antropomorfi sono una specie di omini stilizzati, alcuni asessuati, altri con sesso ben evidenziato, altri ancora rappresentati con braccia aperte e gambe divaricate, ad “H”, nella posizione dell’ “orante”, colui che prega. Alcuni studiosi suggeriscono comunque di interpretare i segni come parti di scene più’ complesse.

Dal parcheggio attraversare il ponte e, fra due ruderi, seguire la sterrata, segnavia 719 e 729 con indicazioni per la Palestra di Roccia, il “Sentiero delle Anime” ed il centro di Traversella. Il viottolo conduce in Traversella ed alla piazza del Mercato (anche questa raggiungibile in auto ma difficilmente si trova parcheggio libero).

bosco_betulle

Nella piazza, a destra evidenti segnalazioni indicano la strada per i rifugi Bruno Piazza, Chiaromonte, la Palestra di Roccia ed il Sentiero delle Anime. Sono esposte, sul muretto d’ angolo, anche due tabelle della Comunita’ Montana Valchiusella.

Si sale la via Monte Marzo e, dopo essere passati accanto alle ultime case di Traversella, si entra nel bosco di castagni, betulle e noccioli.

905 m

Su largo sentiero, in breve, si giunge alla roccia di micascisto denominata “Ròch ‘D La Fornas” che porta incisa una croce in memoria di Vignadocchio Domenico, abitante di Traversella, morto tragicamente nel 1905.

Si abbandona la traccia diretta al “Sentiero delle Anime” per seguire la traccia di sinistra, segnavia 730. Si oltrepassa la baita Roncole e, sempre nel bosco, si fa un lungo tratto a mezzacosta fino ad una radura erbosa ove e’ ben visibile una baita con una facciata affrescata.

baita_con_affresco

Si procede a saliscendi, si passa accanto ad un roccione e si giunge alla radura della baita di Traunt, intersecando, sulla sinistra il sentiero per il borgo di Chiara.

Il sentiero rientra fra le betulle, guada un paio di torrenti, spesso asciutti, raggiunge uno spiazzo di erba e felci e svolta a destra su una ripida salita sul margine di confine fra bosco e radura. La traccia sale lungo la massima pendenza poi svolta a sinistra e, poco dopo, conduce in vista del villaggio di Cappia.

1179 m

A mezza costa, fra lievi saliscendi, si giunge nei pressi del borgo. Un’ultima ripida salita porta a Cappia.

piani_di_cappia

1345 m

Si sale a destra della chiesa lungo un bel sentiero a gradoni di pietra. Dopo alcune svolte si interseca il sentiero GTA (Gran Traversata delle Alpi) ed una palina con le indicazioni per Succinto, Fondo e Bocchetta delle Oche a sinistra, Rifugio Chiaromonte, Rifugio Bruno Piazza e Sentiero delle Anime a destra. Si prende la traccia di destra, si sale ancora a svolte fino a costeggiare un muretto di pietra che conduce, in breve, alla baite dei Piani di Cappia.

pilone_votivo

1339 m

Il sentiero passa accanto ad un pilone votivo.
Nel terrazzo erboso posto dietro alla santella, a poche decine di metri, in località “Pian Cappia” un cartello indica una roccia isolata di micascisto su cui e’ inciso l’antropomorfo bisessuato di Cappia, trovato casualmente nel 1730, in posizione “orante” (colui che prega), ovvero con braccia aperte e gambe divaricate come fosse una “H” (in realtà questa interpretazione non è affatto condivisa dagli studiosi).

antropomorfo_di_cappia

1398 m

Si sale ancora fra le baite e si interseca il bivio fra il sentiero segnavia 707 e 729. Per raggiungere le incisioni del prossimo sito bisogna risalire il sentiero di sinistra, verso il Rifugio Chiaromonte, per una decina di minuti, seguendo le indicazioni arancioni fino ad un grosso ometto. Poi si cala a sinistra per poche decine di metri e ci si trova alla località “Bech dël Fes-Cèi” punto più alto di questa escursione. La superficie incisa, su micascisto, rappresenta coppelle, alcune canalizzate con schema composito, e cruciformi.

Si ridiscende, fra le betulle, al bivio appena lasciato, e si svolta a sinistra, verso Traversella, per seguire a rovescio il “Sentiero delle Anime”. Fra l’ erba, e protetti a tratti da mancorrenti in corda, si passa ad attraversare un torrente.

1326 m

Il sentiero si allarga e con lievi saliscendi a mezzacosta conduce in località “Carëtte” dove un muretto a secco separa due gruppi di incisioni composte da cruciformi incompiuti, cruciformi allegorizzati e un segno apotropaico, ovvero di scongiuro degli influssi maligni, a vaschetta.

1266 m

Più avanti, in località “Mont ëd la Ròche”, è ben evidente un ulteriore cruciforme pomato apotropaico.

Successivamente, in località “Mont ëd Rivelle” si trova la famosa “Roc dij crus” con croci grecizzanti, segni confinari, cruciformi, un quadrato a scacchiera (forse rappresentante una rete da uccellagione) ed un quadrato che incornicia una balestra.

quadrati_mont_ed_rivelle

1141 m

In località “Traunt“, nota anche come “Pian dij crus”, sono ben evidenti cruciformi, una croce allegorizzata, un antropomorfo asessuato, un crociforme ricrociato e, su un masso posto a destra dello sperone roccioso principale, coppelle e croci grecizzanti già rappresentate su monete celtiche.

Pochi passi e si è all’incisione successiva, sempre in località “Traunt”, dove vi è una croce latina su una roccia affiorante del sentiero, probabilmente posta come preannuncio del sito precedente, decisamente più’ ricco di segni.

1093 m

Si continua la discesa, si traversa un torrente, e si giunge al “Ròch ëd Tòni”, dove, ancora, sono rappresentati cruciformi pomati da coppelle ed un antropomorfo sessuato.

1070 m

Più sotto si trova la località “Traunt Alvant”, dove e’ incisa, su una pietra affiorante del sentiero, una grossa coppella che, forse, ingraziava il percorso del viandante.

1050 m

La traccia di sentiero incrocia la deviazione di sinistra verso la Palestra di Roccia ed in breve conduce al Rifugio Bruno Piazza.

Su un bel sentiero, a tratti molto ben lastricato, si scende per svolte, si incrocia il segnavia 719, che sale a sinistra verso il Rifugio Chiaromonte, ed in breve si torna al “Ròch ‘D La Fornas“, dove, prendendo la traccia di sinistra, si ritorna sui proprio passi fino al parcheggio delle miniere.


  • Partenza: 831 m, Traversella
  • Arrivo: 1398 m, Piani di Cappia
  • Dislivello: 567 m
  • Tempo Salita: 2h 30 m
  • Tempo Discesa: 1h 45 m
  • Sequenza segnavia: 719, 730, 729
  • Periodo Consigliato: Sempre. Scegliere giornate poco luminose e le ore del tramonto.
  • Esposizione: Sud-Ovest
Accesso:

Raggiunta l’uscita dell’autostrada A5 di Ivrea si imbocca la Pedemontana, SS565, in direzione Castellamonte/Cuorgnè/Valchiusella. Dopo circa 6Km dal casello autostradale, svoltare a destra sulla SP222 e, 300 metri dopo, a sinistra sulla SP64, in direzione Valchiusella/Traversella. Si raggiunge Traversella dopo circa 18 Km. Prima del paese svoltare a destra verso il parcheggio delle miniere.

 

Tags: , , , ,






Trackback dal tuo sito.

Ivano Ruffoni

Ivano Ruffoni

HIKER Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia. WILLIAM SHAKESPEAR, DA “AMLETO”

Lascia un commento