terre_ballerine_150x150

LE TERRE BALLERINE

Alla scoperta di un esclusivo fenomeno naturale.

L’itinerario, attraverso un percorso circolare, di poco più di un’ora, costeggiando la riva nord occidentale del Lago Sirio conduce alle “Terre Ballerine”.
Uno strato di torba, appoggiato su una superficie d’acqua, sopra il quale cresce il bosco. L’acqua permette alla torba di galleggiare e si può quindi saltellare su questo “esclusivo” tappeto elastico, ad ogni salto anche le piante vicine si muovono. ovviamente se i giorni precedenti è caduta la pioggia l’effetto elastico aumenta.

lago_coniglio_mortoDurante il percorso la ricerca del Lago Coniglio, un lago morto e oramai scomparso, conduce alle Terre Ballerine. Durante la passeggiata si passa poco sopra le rive meridionali del Lago Pistone, da dove è possibile osservare il castello di Montalto dominare dall’alto, l’itinerario permette quindi di transitare vicino a due dei 5 Laghi morenici di Ivrea.
Si conclude l’escursione là dove era cominciata presso la Cappella di S. Pietro Martire.


309m

Dalla Cappella di S. Pietro Martire prendere la strada asfaltata (segnavia verde) di destra che fra alti muri conduce in prossimità dell’ingresso per l’agriturismo (e mieleria) “La Perulina”. La strada aggira una vecchia casa, con bei panorami sul sottostante “Lago Sirio” prosegue fino a “Canton Marchetti”, svolta a destra e subito dopo a sinistra a costeggiare il lago.

San_Pietro_Martire 267m

Dove la strada asfaltata attraversa il borgo di Prelle svoltare a sinistra sulla traccia che parte accanto ad una fontana. La mulattiera piega subito a destra e in diagonale verso nord est va ad incrociare, sulla destra, l’ingresso dell’ “Anello del Lago Sirio e delle Terre Ballerine” dalla Regione Bacciana.

Tenere la sinistra sulla strada acciotolata fino al bivio con l’itinerario “Alla ricerca del Lago Coniglio” (si consiglia di proseguire diritti per un paio di minuti lungo il collegamento fra l’ “Anello del Lago Sirio e delle Terre Ballerine” con l’ “Anello di Montresco” fino al tabellone sull’acquedotto romano di Eporedia).

Svoltare a sinistra ad attraversare l’avallamento del “Lago Coniglio”, ormai “morto”. La sterrata, aggirando il modesto Monte di Prelle, conduce successivamente al tabellone de “Il bosco planiziale”, ad un rudere seguito da un pilone votivo, al tabellone de “Gli uccelli del bosco” ed al successivo de “Le Terre Ballerine”.

305m, 35′

Si suggerisce di scendere a destra verso la zona dove il fenomeno delle “Terre Ballerine”, ovvero la sensazione di camminare su un materasso disteso sull’acqua, è evidentissimo. Lago_Pistono_e_Castello_MontaltoPoco più avanti, all’intersezione a destra con la deviazione per il “Lago Pistono”, tenere la sinistra e costeggiare il “Lago Pistono” con ampi panorami sul “Castello di Montalto”, oltrepassare il tabellone “I mammiferi” fino alla Cappella di S. Croce (altro tabellone informativo nei pressi).

334m

Proseguire sulla strada di sinistra (inizialmente asfaltata e poi sterrata) a traversare le case di Collere inferiore e superiore. Giunti al bivio che precede di poco il “Pilone della Cruseira”, tenere la sinistra e salire, fra qualche masso montonato, fino alla Borgata Trucco punto piu’ elevato dell’escursione, e quindi scendere in breve al punto di partenza presso la Cappella di S. Pietro Martire.


  • Tempo di andata: 35′
  • Cappella di S. Pietro Martire (309m)
  • Lago Sirio, Prelle (267m)
  • Terre Ballerine (305m)

  • Tempo di ritorno: 30′
  • Terre Ballerine (305m)
  • Borgata Trucco (334m)
  • Cappella di S. Pietro Martire (309m)

  • Dislivello in salita: 67m
  • Dislivello in discesa: 67m

  • Segnavia: Verde
Accesso:
Raggiunta l’uscita di Ivrea sull’autostrada A5, immettersi sulla SS565 verso Ivrea. Percorsa via Pavone e via Jervis, svoltare a sinistra su Corso Nigra proprio in prossimità della stazione dei treni di Ivrea. Dopo circa 600 metri svoltare a destra seguendo Corso Re Umberto I lungo la Dora Baltea. Più avanti la strada svolta a sinistra e diventa Corso Botta.
Al semaforo procedere diritto verso via Circonvallazione. In prossimità della piazza del mercato svoltare a destra in via Monte Stella e seguire poi via Lago Sirio. Poco prima del Lago Sirio svoltare a sinistra sulla Strada Vicinale della Turca. Dopo circa 600 metri svoltare a destra sulla via San Pietro Martire fino a raggiungere l’omonima Cappella
 





Trackback dal tuo sito.

Ivano Ruffoni

Ivano Ruffoni

HIKER Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia. WILLIAM SHAKESPEAR, DA “AMLETO”

Commenti (1)

  • giusto cerutti

    |

    Anche dalle parti di San giusto, prendendo la strada vecchia per Foglizzo , sul fianco sinistro dell’autostrada, si incontra un terreno ricco di “fontanili” ed in alcuni luoghi sembra di camminare in terreno “instabile”……….Sensazioni particolari.

    Reply

Lascia un commento