castello-di-rivara-villa-mini

Giornate FAI di Primavera 2017

castello-di-rivara-villa Castello di Rivara – Villa neoclassica

Giornate FAI di Primavera

Undici monumenti, in tre luoghi d’incanto nel Canavese, saranno aperti al pubblico sabato 25 e domenica 26 marzo 2017 in occasione delle Giornate FAI di Primavera:
l’intero borgo di Rivara con il Castello e i suoi monumenti , Strambino fra tradizione artigianale, il Castello medievale, l’antica sala consiliare del Municipio e Settimo Vittone con le sue Cappelle di San Lorenzo e San Giacomo di Montestrutto lungo la Francigena.

SELLERIA MOIRANO

da Harrods a Strambino….!

La Selleria Moirano di Strambino rappresenta dal 1930 una gloriosa tradizione piemontese di impresa artigianale che, nel passaggio di generazioni, tramanda un’arte unica (“impensabile” al giorno d’oggi in Italia) attraverso i manufatti complessi di selle, finimenti e restauro di ogni tipo di carrozze.

Felice e Giacomo Moirano, in un alternanza virtuosa di ruoli affinati nel tempo, si integrano a vicenda fra ricerche storico bibliografiche, scelta dei materiali (cuoio, antiche stoffe, ottoni) e nella realizzazione di pregiate borchie e fibbie in metalli preziosi, che completano con un tocco di grande eleganza le pariglie con stemmi e monogrammi per la più importante e facoltosa committenza, fra privati e antiche case regnanti europee.
Attualmente i prodotti della Selleria Moirano sono esposti anche a Londra da Harrods!


Convegno Nazionale FAI 2014 – Finimenti per cavalli, da Strambino ad Harrods

Ma non solo questo…
Ma a Strambino sarà visitabile anche l’ottocentesca Sala Consiliare del Municipio, a doppia altezza, di grande eleganza, e con una stupenda alta galleria sui lati perimetrali della volta completamente affrescata.

Castello di Strambino – Castello Vecchio

Strambino sfoggia le vestigia di un Castello medievale, mai aperto prima al pubblico e visitabile durante le giornate FAI per gentile concessione del Conte Giorgio Marchetti San Martino di Muriaglio.

castello-vecchio-di-strambino Castello di Strambino – Castello Vecchio

I vari corpi che costituiscono l’originalità della struttura del Castello, a cui si accede da un antico portone in legno nell’alta via San Martino, comprendono quello “arduinico” e quello “gotico”.
Si potranno ammirare diversi elementi architettonici: oltre a due Torri di mirabile fattura,

finestre ogivali, un bellissimo “marcapiano” con formelle in cotto a decorazione floreale e geometrica.
Tutto quello che si offre agli occhi del visitatore confermerà la visione del monumento che, indipendentemente dall’abbandono e dal tempo, confermerà il valore dell’unitarietà sostanziale del castello, unico esempio in Canavese di proprietà tramandata di padre in figlio dell’antica famiglia dei proprietari.

Rivara: Castello Medievale, la Villa neo classica e le Scuderie

Un borgo con una storia millenaria, che arriva ai giorni nostri attraverso proprietà private, presenze di artisti che, ancora oggi nel Centro di Arte Contemporanea, hanno all’interno del Castello una dimensione verso il futuro.

Il celebre Castello costituito da tre edifici indipendenti: il Castello Medievale, la Villa neo classica e le Scuderie, il tutto immerso in un parco di oltre 45.000 mq contiene al suo interno la celebre collezione di arte contemporanea degli attuali proprietari Franz e Davide ,

castello-di-rivara-medievale Castello di Rivara – Castello Medievale
Paludetto che durante le giornate di primavera sveleranno al pubblico degli appassionati.

Ma non solo questo…
La Chiesa della SS.Annunziata, il Teatro Comunale, il Villa Ogliani e il Monumento Funebre realizzato da Alfredo D’Andrade aspettano i visitatori a Rivara.

Sulla Via Francigena: Pieve di San Lorenzo – Cappella di San Giacomo di Montestrutto

Pieve-e-Battistero-di-San-Lorenzo

A Settimo Vittone per conoscere un tratto della Francigena, in grande spolvero primaverile, e comprendere le vicende storiche che hanno contraddistinto nei secoli la Pieve di San Lorenzo e la Cappella di San Giacomo di Montestrutto. Unite da un percorso a piedi di 25’ sulla Francigena, fra boschi in fioritura primaverile, che svela le vedute mozzafiato sulla terra del Canavese.

UN La passione che contraddistingue la vostra adesione al FAI vi rende nuovamente protagonisti di un momento importante: si stanno per svelare tre luoghi di grande interesse

Apprendisti Ciceroni, i Volontari e …

Gli Apprendisti Ciceroni, i Volontari e i Delegati si sono prodigati fino ad oggi in un incessante lavoro organizzativo per consentire con l’aiuto delle Amministrazioni locali, parcheggi, navette, frecce, striscioni, cartelli, tavoli, videoproiettori e molto entusiasmo per raccontare una Italia, quella che noi tutti vogliamo “salvare” che parte da lontano e diventa quella che noi faremo nostra in quei giorni.






Trackback dal tuo sito.

Carlo Arborio Mella

Carlo Arborio Mella

Ille terrarum mihi praeter omnes angulus ridet…[Orazio] Francesco Carandini usa queste parole riferendosi a Parella, paese a me caro, fin dalla nascita, oggi teatro delle mie nuove avventure con il FAI di Ivrea e Canavese.

Lascia un commento