cavolo_verza_mini

COGN PIN o cavoli ripieni

Una volta al Masero si nasceva sotto i cavoli. Così fu, affermavano in casa, anche per me e la mia gemella. A giugno.

Cavoli a giugno? Mai visti. Dunque, impossibile.

Le gemelline manifestano il dubbio, ma l’evasività di mamma e nonne scoraggia gli approfondimenti.

Finiamo poi per apprendere, da fonti nostre coetanee varie ed incerte, che i bambini nascono dalle mamme.

Straordinario, ma confermato dall’osservazione diretta: via il pancione, ecco in circolazione un neonato.

cavoli_verza

Oggi al Masero nessuno viene più al mondo nell’orto, una bugia secolare è caduta nel dimenticatoio.

Ma perché nascere sotto il cavolo, o nel cavolo, come dicono in Francia?

Semplice: il cavolo è simbolo della fertilità umana.
Lo si semina a marzo e lo si raccoglie a novembre: nove mesi, il tempo di una gravidanza.
Affascinante, no?

E poi il cavolo è stato per secoli la verdura regina delle tavole contadine canavesane, o meglio europee, facile com’è da coltivare e conservare; se di cavolo si viveva, perché non nascerci pure?

E ci si viveva veramente: da noi, cavoli fritti con la polenta, zuppe, minestre, insalate, tutti i santi giorni, autunno e inverno.
Tutta roba modesta tranne un’eccezione: i cogn pin, i cavoli ripieni, piatto da festa. Compariva raramente, quando la carne abbondava; tipicamente, quando si ammazzava il maiale.

I cogn pin

Per noi maseresi, gente pratica, sono semplicemente i cogn pin, cavoli ripieni, ma in giro per il Canavese li chiamano capunèt, capunìt. Nome curioso e misterioso, dovuto forse al loro aspetto tondo e prosperoso, come quello dei capponi. Pare anche che nell’Astigiano chiamino capunèt i fiori sterili delle zucchine, e lì per capunèt in senso gastronomico si intendono i fiori di zucchine ripieni.

Sia come sia, io i miei cogn pin li preparo così.

scheda_ingredienti_capunet_coi_pin
SCARICA GRATUITAMENTE
LA RICETTA DEI CAVOLI RIPIENI

INGREDIENTI RICETTA DEI CAVOLI RIPIENI

  • un cavolo bello grosso, preferibilmente verza, per via delle foglie non fragili
  • carne tritata, di qualunque tipo, cotta o cruda
  • salame, preferibilmente ‘d la duia, spezzettato e passato in padella
  • uova
  • formaggio grattugiato
  • sale, pepe, noce moscata
  • burro

E via. Si comincia con le foglie esterne del cavolo: si staccano, si puliscono dalle parti dure, si scottano in acqua bollente e si fanno scolare bene.
Poi tocca all’interno del cavolo: si trita, si sbollenta, si scola e si mescola in una grossa ciotola con tutto il resto.

Le dosi sono a stim, e a gusto.

A me piace abbondare con il cavolo tritato, che rende il fagottino morbidino.
Mio marito, vivo sostenitore dei sapori forti, preferisce che si abbondi con il salame.

Il fagottino, appunto: con santa pazienza, si stende un pezzo di foglia, gli si appoggia al centro un mucchietto di ripieno e si crea un fagottino più o meno quadrato, oppure un cilindro.
Man mano si allineano i cogn pin in una teglia imburrata, poi si infiocchettano qua e là di burro e si infila il tutto in forno finché prende un bel colore dorato.

Fotografia ricetta cavoli ripieni

Caldo, tiepido, freddo, non importa: un cogn pin è comunque una delizia.




POTREBBERO PIACERTI:


Tags: ,






Trackback dal tuo sito.

Tiri Enrico

Tiri Enrico

"La vita è come andare in bicicletta: se vuoi stare in equilibrio devi muoverti" A. Einstein

Commenti (1)

  • Gabriele

    |

    Bella ricetta…bello il racconto!
    Brava zia Tiri!

    Reply

Lascia un commento

This website uses to give you the best experience. Agree by clicking the 'Accept' button.

This content is blocked. Accept cookies to view the content.

This content is blocked. Accept cookies to view the content.

This content is blocked. Accept cookies to view the content.