Anne_Harder_miniatura_new

Verde Canavese

Ogni primo sabato del mese, nella piazza municipale di Romano Canavese, si svolge l’ormai classico appuntamento con lo “Scambio di piante”.
Possono partecipare tutti coloro che abbiano interesse a scambiare/regalare piante, è sufficiente portare i vasi o i semi che si vogliono scambiare o regalare, preferibilmente muniti di cartellino con il nome della specie.

miniatura_scalaro

Scalaro: un luogo di rara bellezza…

…PER UN WEEKEND A CHILOMETRI ZERO

A volte si fanno chilometri e chilometri alla ricerca di mete e paesaggi stupendi e non conosciamo quello che è a pochi passi da noi. Ad esempio pochi conoscono la suggestiva Borgata di Scalaro a Quincinetto. Beh!! che dire, questa meta così vicina ad Ivrea non ha nulla da invidiare a località ben più rinomate. Se avete voglia di conoscerla il momento migliore è l’ultimo weekend di luglio.

terre_ballerine_150x150

LE TERRE BALLERINE

Alla scoperta di un esclusivo fenomeno naturale.

L’itinerario, attraverso un percorso circolare, di poco più di un’ora, costeggiando la riva nord occidentale del Lago Sirio conduce alle “Terre Ballerine”. Uno strato di torba, appoggiato su una superficie d’acqua, sopra il quale cresce il bosco. L’acqua permette alla torba di galleggiare e si può quindi saltellare su questo “esclusivo” tappeto elastico, ad ogni salto anche le piante vicine si muovono. ovviamente se i giorni precedenti è caduta la pioggia l’effetto elastico aumenta.

tarabuso_evidenza

TARABUSO: BIRDWATCHING IN CANAVESE

La Società del Tarabuso è un’associazione di amici costituitasi per la pratica e l’incentivazione del birdwatching, ovvero l’osservazione degli uccelli selvatici nei loro habitat naturali. Il birdwatching è un passatempo molto praticato in vari paesi europei; anche in Italia negli ultimi anni numerose persone si sono interessate a questo appassionante e gratificante hobby.

L’Associazione opera in Canavese dal 1996 e annovera una quarantina di iscritti, tutti interessati in vario modo alle osservazioni avifaunistiche.

la_canavesana_miniatura

La Canavesana d’epoca

La Canavesana d’epoca è una Pedalata Cicloturistica per bici d’epoca, è riservata a tutti coloro che vogliono rivivere il carattere e le emozioni del ciclismo di altri tempi.

Nata nel 2011 da appassionati del cicloturismo di Albiano d’Ivrea rappresenta un’icona del mondo vintage nel Nord Ovest Italia ed è molto apprezzata dagli amanti del ciclismo che partecipano al Giro d’Italia Bici d’Epoca da tutta Italia ed Estero. La Canavesana anche nel 2015, si conferma infatti una Tappa del Giro d’Italia Bici d’Epoca (G.I.D.E), che dal 2010 raggruppa e coordina le principali cicloturistiche dedicate alle bici d’epoca in Italia.

san besso_miniatura

Il santuario di San Besso: un “luogo del cuore” in Val Soana

Nel comune di Valprato Soana, in punta alla valle di Campiglia in pieno Parco del Gran Paradiso, voi, amanti delle escursioni in montagna, potrete trovare un luogo incantato di cui non avreste sospettato l’esistenza.
Parlo dell’anfiteatro in cui sorge il piccolo complesso del santuario di San Besso, classificatosi quest’anno al centoduesimo posto della graduatoria nazionale dei “luoghi del cuore” del FAI.
cigno_lago_sirio

CAMPING DEI LAGHI

C’era una volta un’area camper accanto al lago Sirio, …

il Camping dei Laghi, attirava turisti desiderosi di quiete e natura ed era una risorsa per il territorio. Fortunatamente qualcuno si sta dando da fare per riportarlo alla vita, tanto che dall’estate scorsa una buona parte è stata riaperta al pubblico. L’ho visitato assieme Roberto Pero, il gestore, e Luca Basilicata, della vicina pizzeria-ristorante Il Sole. Luca  racconta del frequente passaggio di turisti, soprattutto stranieri, desiderosi di ricevere informazioni al proposito. Molti ricordano il luogo per avervi soggiornato in passato e vorrebbero tornare per una vacanza a stretto contatto con la natura.
paraj_auta_bacheca

PARAJ AUTA

La “Paraj Auta” e’ una modesta elevazione, arriva a 354 metri di altezza. Si trova posta fra i comuni di Pavone Canavese ed Ivrea, nello specifico il quartiere Bellavista.
L’itinerario permette di scoprire differenti tipi di vegetazione, ma non solo, si possono infatti ritrovare tracce di antichi popoli che abitavano la regione. Si possono percorrere i comodi sentieri segnalati da paline informative: naturalistiche, geologiche ed archeologiche fino ad incrociare le quattro bacheche degli ingressi principali: A, B, C e D.

Iscriviti qui per ricevere gratuitamente la nostra newsletter

* indicates required