Archivio Autore

Nico Sofia

Nico Sofia

“I genitori danno due cose ai figli: le radici e le ali.” Proverbio indiano del Quebec
15_panorama_chiesa_montestrutto_mini

Montestrutto in Canavese

Lungo la statale 26, che da Ivrea porta verso la Valle d’Aosta, poco prima di arrivare a Settimo Vittone, eccoci raggiungere la piccola frazione di Montestrutto, anticamente denominata “Mons obstructus” proprio per la sua caratteristica principale: quella di essersi sviluppata appoggiata alle rocce del monte.

Passando dietro la centrale elettrica, ben visibile dalla strada, si può lasciare l’automobile in un ampio parcheggio. Scesi dall’auto, di fronte a noi, oltre un immenso prato, le pareti di una splendida falesia, il piccolo paese di origine medievale e, in alto, sulla cima di una collina un pittoresco castello che ricorda le fiabe e domina dall’alto il borgo e la piana.

15_camminando_vische_mini

CAMMINANDO, MANGIANDO, BALLANDO SOTTO LE STELLE

A due passi dal Parco Naturale del lago di Candia, seguendo la strada provinciale 84, si arriva a Vische. Qui, in occasione della festa patronale di San Bartolomeo, di fine agosto, da qualche anno l’associazione “G.O.A.P. Vische” si è “inventata” un modo simpatico di valorizzare il proprio territorio ricco di vigneti, piloni votivi e tante cascine.

Una passeggiata benessere, fitwalking, di 6 km con partenza dall’area dei festeggiamenti, in via Vittorio Veneto, al tramonto per farsi avvolgere dall’atmosfera dell’imbrunire e lasciarsi guidare dalla luce della luna.

veduta_bairo_papaveri

Alla scoperta di Bairo

Percorrendo in macchina la strada provinciale 41 che da Agliè, porta a Torre Canavese ci si accorge di quanto il Canavese possa offrire in meno di tre chilometri!

Ad Agliè merita sicuramente una visita il Castello Ducale, che fa parte delle residenze reali del piemonte, già residenza di Maria Cristina di Borbone, moglie di Carlo Felice, re di Sardegna, e a Torre Canavese, borgo canavesano vocato all’arte, ci si deve fermare, almeno, per visitare la “Viassa”, via del centro storico dedicata alle opere cinematografiche di Federico Fellini.

Ma sulla strada provinciale 41 c’è un’altra sorpresa che ci aspetta.